Scopri la nostra tecnologia e potenzia l'efficacia delle collaborazioni con gli Influencer. Scopri Plus

Kami: intervista alla prima influencer virtuale con la sindrome di Down

Flu Agency

A Maggio è stata rilasciata la prima influencer virtuale con la sindrome di Down: Kami

Nata dalla collaborazione tra Forsman & Bodenfors (F&B), Down Syndrome International (DSi) e The Diigitals, Kami vuole essere la rappresentazione autentica delle donne con disabilità nel mondo digitale, per renderlo più inclusivo. 

Per approfondire il tema abbiamo intervistato Kami e l’agenzia creativa F&B da cui è gestita.  

Kami

Ciao Kami, Parlaci un po’ di te!

Ciao, sono Kami! Sono una ragazza virtuale, che vive in un mondo virtuale. Mi piace uscire con i miei amici e parlare con i miei follower su Instagram. Ho una passione per la moda e mi piace anche il make-up

Il mio colore preferito è il viola. Per questo ho i capelli viola e l’ombretto viola! 

Sono una persona creativa, quindi a volte mi potrete trovare a dipingere, ballare e creare contenuti digitali interessanti. Il mio sogno è di diventare una modella e sfilare su una passerella!

Come ci si sente a essere la prima influencer virtuale con la sindrome di Down?

Mi fa sentire felice e orgogliosa! Voglio che il mondo mi veda e mi conosca meglio, voglio mostrare alle persone ciò che sono in grado di fare. Voglio che altre persone con la sindrome di Down sorridano quando vedono i miei post.

Che impatto vuoi avere nel mondo digitale e nei social media?

Voglio dimostrare che le persone con la sindrome di Down appartengono al mondo intero. Posso fare tutto ciò che gli altri avatar possono fare: voglio essere presente a una sfilata di moda virtuale, in un gioco, e nel Metaverso! 

Com’è nata l’idea di creare Kami e chi ha contribuito alla sua realizzazione?

Il tema dell’anno per DSi è l’inclusione e volevano un modo per entrare in contatto con il pubblico più giovane.

I giovani trascorrono circa 9 ore al giorno connessi al digitale, quindi se volevamo parlare con loro, dovevamo essere presenti sugli stessi mezzi. Con l’ascesa del Metaverso, degli avatar virtuali e del Web 3.0, abbiamo trovato pochissima rappresentazione della comunità dei disabili. In effetti, queste creazioni digitali spesso cancellano quelli che sarebbero considerati “difetti”. Abbiamo ritenuto importante affermare che la sindrome di Down non è un difetto, ed è una parte perfettamente normale di noi, che dovrebbe essere inclusa quando ci spostiamo nella rappresentazione virtuale. Abbiamo quindi creato Kami per portare più diversità e inclusione nel mondo digitale. Abbiamo quindi coinvolto uno dei più importanti creatori di avatar digitali The Diigitals per aiutarci a darle vita.

Kami è la prima virtual influencer con la sindrome di Down. Quale può essere il suo impatto per il mondo digitale e per la cultura dei social media? 

Kami sta già dando vita a importanti conversazioni sulla diversità nel mondo digitale, e questo è esattamente il tipo di effetto che vogliamo che abbia.

Vogliamo che i marchi, le organizzazioni e gli individui ripensino il modo in cui si presentano nel Web 3.0. Ci troviamo in un momento così interessante con la tecnologia, stiamo dando forma a quello che sarà il Metaverso. Come possiamo renderlo un luogo inclusivo in cui tutti sentano di appartenere? Abbiamo la possibilità di renderlo ancora meglio del mondo reale

Siamo fermamente convinti che le persone con disabilità debbano essere essere ugualmente rappresentate, quindi, in ultima analisi, normalizziamo l’idea di diversità in quello spazio.

Nello spazio dei social media, Kami è attualmente l’unico umano virtuale con una disabilità, ma speriamo che non sarà la prima e ultima!

Speriamo che ispiri il mondo a creare più persone virtuali con disabilità. C’è spazio per tutti, ovunque.

Si può dire che Kami rappresenta l’inizio di una nuova era per rendere il mondo digitale più inclusivo. Pensate che il suo personaggio potrà portare anche dei cambiamenti nella cultura tradizionale?

Speriamo che Kami ispiri tutti a progettare e realizzare idee che tengano conto delle persone disabili, non solo come un ripensamento. Questo potrebbe estendersi a giochi, siti web, programmi televisivi, film e libri,

La cultura digitale e la cultura tradizionale si fonderanno sempre di più in futuro, e speriamo che Kami possa avere un’influenza positiva in tutti questi ambiti. Vogliamo che Kami sia d’ispirazione per tutti, non solo per le persone con sindrome di Down o disabilità.

Cosa dobbiamo aspettarci dal futuro di Kami? Su quali social sarà presente e quali saranno i contenuti che veicolerà? 

La missione di Kami è rendere il mondo digitale più inclusivo e ha in serbo molti progetti interessanti per far sì che ciò accada! 

In futuro, Kami farà delle apparizioni nei videogiochi, nel Metaverso e nelle sfilate di moda virtuali. Inoltre, collaborerà con altri influencer di talento della community delle persone con la sindrome di Down e li presenterà nel suo feed. Scopriremo anche meglio la personalità, gli hobby e gli interessi di Kami. Potrebbe trovare un lavoro o un fidanzato! 

Vogliamo che il mondo ami Kami perché è fantastica, non solo perché ha la sindrome di Down.

Anche se entrerà in diverse piattaforme digitali, continuerà a raccontare la sua storia su Instagram con il suo account @itskamisworld.

Come vengono gestiti i contenuti di Kami affinchè rispecchi e rappresenti le persone con la sindrome di Down nel modo di pensare e parlare?

Kami è gestita da un gruppo di giovani donne con la sindrome di Down chiamato “Kami

Contributori”. Sono loro che pianificano i contenuti di Kami, compresi i luoghi in cui va e le attività che svolge.

Creano anche tutte le didascalie dei suoi post, scrivendole o avendo conversazioni verbali che vengono poi citate come didascalie. La voce di Kami è la voce di molte giovani donne con la sindrome di Down! 

Abbiamo anche una produttrice esecutiva di nome Ellie Goldstien, che ha un ruolo primario nel dare forma ai contenuti di Kami. Ellie è una famosa modella con sindrome di Down. 

Per ogni post lavoriamo a stretto contatto con DSi, Ellie e i collaboratori di Kami per per garantire l’autenticità e la relatività.


le nostre ultime interviste

Boat Influencer: intervista a Sara Rossini di Shibumi

L’inglese su TikTok: Intervista ad Antonio Parlati

Metaverso e Avatar: intervista a Ready Player Me

Body Positivity: Intervista a Giorgy Colella

Iscriviti ora per sbloccare questo contenuto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter di Flu. Inserisci i tuoi dati per abilitare la visualizzazione su questo dispositivo.